Home News Coronavirus, positivo un medico del Policlinico di Milano ricoverato al Sacco per...

Coronavirus, positivo un medico del Policlinico di Milano ricoverato al Sacco per una polmonite

Un medico dell’ospedale Policlinico di Milano, ricoverato all’ospedale Sacco da alcuni giorni per una polmonite, è risultato positivo al test del Coronavirus. È quanto apprende Agenzia Nova da fonti ospedaliere. Altro personale del reparto in cui lavora, tra cui alcuni medici specializzandi, presenta e ha presentato nei giorni scorsi sintomi, che fanno ritenere probabile il contagio, anche se non sono ancora stati sottoposti al tampone. Al momento la direzione sanitaria è impegnata a ricostruire i contatti del medico e a fare verifiche su tutte le persone venute in contatto con lui, che in via precauzionale domani sono state invitate ad astenersi dal lavoro. Per ora non è stata disposta la chiusura di alcun reparto dell’ospedale. Domani pomeriggio è prevista una riunione dei capi di dipartimento, per valutare le misure da adottare anche sulla base dell’ordinanza regionale e per il coordinamento con l’Università Statale di Milano. (Agenzia Nova)

Commenti FB
Articolo precedenteCoronavirus, anche a Monza manifestazioni sospese e musei chiusi
Articolo successivoCoronavirus, Fs: mascherine, guanti e disinfettanti per i ferrovieri
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati
Exit mobile version