Gli agenti della Squadra Mobile, coordinati dalla Procura di Milano, hanno arrestato due egiziani di 21 e 26 anni, pregiudicati e irregolari, ritenuti responsabili di aver rapinato lo scorso 23 dicembre Federico Salvini, il figlio 19enne del leader della Lega Matteo. La rapina è avvenuta in via Jacopo Palma, in zona Gambara, quando i due egiziani, sotto la minaccia di un coccio di bottiglia, si sono fatti consegnare dal ragazzo il telefono cellulare e i soldi custoditi nel portafogli. Secondo quanto ricostruito dalla Squadra mobile in collaborazione con i poliziotti del Commissariato Bonola, subito dopo la rapina i due sono entrati nel negozio di un parrucchiere poco distante dal luogo della rapina e hanno nascosto, all’insaputa del titolare, il telefono sottratto sotto un divano per poi tornare, il giorno successivo, pretendendo di recuperarlo. Riconoscendoli per coloro che già la sera prima erano entrati nell’esercizio commerciale e intuendo che il telefono rinvenuto potesse essere quello ricercato dalla Polizia la sera stessa della rapina, il titolare del negozio li ha fotografati, ha trattenuto il telefono cellulare e, allertando le forze dell’ordine, li ha messi in fuga.

Commenti FB
Articolo precedenteCampo dei Fiori (Va): finisce su un albero col parapendio, salvo un 51 enne
Articolo successivo“Domenica al museo”, visite gratuite ai musei civici di Milano
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati