“La Milanese”, capricci, stili, genio e nevrosi della donna che tutto il mondo ci invidia

61

Nella vita si può imparare tutto. Ma per diventare una vera milanese, bisogna studiare davvero tanto. Il cane giusto (un bassotto con «amici» selezionatis­simi). Le vacanze giuste (una scelta di campo: Santa o Forte?). La scuola giusta per il figlio (in lingua stra­niera, of course). La festa di Natale giusta (verso metà ottobre, per battere l’affollamento di inviti festivi). E gli abbinamenti cromatici da evitare, il galateo delle comunicazioni via WhatsApp, gli indirizzi da avere in agenda, i quartieri dove cercare casa, i mestieri social­mente accettabili, la cura di sé tra estratti di verdure e indispensabile «idratazione»… mettetevi comode, per­ché essere milanese è un lavoro a tempo pieno. Infat­ti dura una vita: mai sentito parlare dello sciuraglam? Un’ironica guida allo stile per signore (anche di altre città), un manuale di autoaiuto per milanesi disperate, un’occasione per ridere assieme delle nostre piccole e grandi manie.

Ascolta l’intervista all’autrice del libro “La Milanese”, Michela Proietti,  giornalista del «Corrie­re della Sera», «7» e opinionista televisiva.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.