QUIET RIOT: Frankie Banali ricoverato d’urgenza in ospedale

535

! AGGIORNAMENTO DEL 17 GIUGNO 2020 !

Ieri sera REGINA BANALI (moglie del batterista da diversi anni, nonché regista e produttrice del film “QUIET RIOT: Well Now You’re Here, There’s No Way Back” del 2014) ha postato un rincuorante aggiornamentosulle condizioni di Frankie attraverso la propria pagina personale: Frankie non è sul letto di morte! È finito al Pronto Soccorso diverse volte da quando è in cura. Attualmente ha un’infezione e dopo alcuni accertamenti di rito tornerà a casa. Grazie a tutti. E continuate a pregare per lui, ha bisogno di sentire il vostro forte supporto per combattere questa dura battaglia”.

Anche lo stesso Frankie ha aggiunto un nuovo commento: “La Signora ne sa decisamente più di me. Ho un’infezione che va curata subito. Spero che questa nuova visita a ‘Disneyland’ non duri troppoe mi auguro di poter tornare a casa a prepararmi il mio buon tè verde e ad occuparmi dei miei fiori, della mia arte e della normale amministrazione da quarantena casalinga con le solite beghe…. I miei più sinceri ringraziamenti a tutti per l’amore, gli auguri, le preghiere e la preoccupazione! Voi siete rock… ma questo lo sapevate già!”.

Forza Frankie!

——————————————————————————————————

Nella tarda serata del 15 Giugno 2020, Frankie Banali batterista dei QUIET RIOT è stato ricoverato d’urgenza in ospedale a Woodland Hills, California. Frankie combatte da un anno e mezzo contro un cancro al Pancreas al 4° stadio piuttosto aggressivo. Ha divulgato la notizia personalmente tramite le sue pagine social ufficiali, dimostrando costantemente anche una grande forza di volontà.

Ieri il più recente aggiornamento, in cui non perde la sua proverbiale ironia né la lucidità: “Mi hanno appena ricoverato al Pronto Soccorso al Kaiser… in un certo senso è un po’ come andare a Disneyland, se non fosse che le code sono più corte e i giri di giostra più lenti… il prezzo del biglietto poi, oh mio dio!”.

In cura intensiva dalla scorsa primavera, Banali ha recentemente iniziato il suo 21° ciclo di chemioterapia. Proprio il 10 giugno scorso, a Eddie Trunk su SiriusXM aveva raccontato: “Sto ancora combattendo. Non gli do tregua con la chemioterapia, che è più forte da qualche mese, e gli effetti collaterali sono piuttosto brutali, come la perdita dei capelli, della barba, delle sopracciglia… Sono ormai irriconoscibile… Da grande appassionato di nuoto olimpico, diciamo che ora non avrei bisogno della cuffia per entrare in acqua! Non è uno scherzo comunque, ne ho piena consapevolezza, i medici sono stati schietti in merito. Questo male mi ucciderà, ma io non mi arrendo, voglio che il mio ultimo giorno arrivi il più tardi possibile”.

Dopo l’annuncio della malattia, in concomitanza all’uscita dell’ultimo album dei Quiet Riot, “Hollywood Cowboys” (pubblicato lo scorso Novembre su Frontiers Music), Frankie è stato sostituitoalla batteria per alcuni show da Johnny Kelly (Danzig, Type O Negative) e/o Mike Dupke (W.A.S.P.) che alternativamente, in base ai loro rispettivi impegni, si sono resi entrambi disponibili a dare una mano.

Sul sito GoFundMe è stata lanciata una raccolta fondi per aiutare la famiglia Banali a sostenere le spese mediche per le cure di Frankie: al momento sono già stati raccolti e superati 43.000 dollari.

Frankie aveva rimesso in pista i Quiet Riot nel 2010 (a 3 anni dalla triste scomparsa del cantante storico Kevin DuBrow), con una nuova line up che include il bassista Chuck Wright (già bassista del gruppo in varie fasi a partire dal 1985) e Alex Grossi (alla chitarra dal 2004, con qualche breve pausa). Alla voce dopo la breve militanza di James Durbin (emerso dal talent show televisivo American Idolnel 2011) è entrato dal 2019 Jizzy Pearl (già con Love/Hate, L.A. Guns e Ratt). Della prima leggendaria formazione dei QR aveva fatto parte anche il chitarrista Randy Rhoads poi ingaggiato da Ozzy Osbourne con cui ha raggiunto la fama mondiale prima di morire in un tragico incidente aereo nel 1982.

I Quiet Riot hanno venduto milioni di dischi, lanciati nel 1983 dall’album multiplatino “Metal Health”,il primo disco di heavy metal della storia ad aver conquistato la posizione numero 1 della classifica di Billboard.

Frankie, di fiere origini italiane, si era esibito con piacere in Italia con i Quiet Riot sul palco del Frontiers Rock Festival (quinta edizione) al Live Club di Trezzo il 28 aprile 2018. Da quell’esibizione è stato tratto il dvd ufficiale “One Night In Milan” (Frontiers Music). Per l’occasione la sottoscritta Barbara Caserta lo aveva intervistato in anteprima per Linea Rock.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.