A2A, AeB, Ricchiuti: “Hanno sbagliato tutto, si devono dimettere”

Dopo la bocciatura del Consiglio di Stato della fusione tra le due società energetiche l'ex senatrice Lucrezia Ricchiuti si associa alla richiesta di dimissioni del sindaco di Seregno e degli amministratori di AeB.

90

Il sindaco di Seregno (MB) Alberto Rossi non si rassegna alla sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato l’operazione di fusione tra Aeb e A2A: “Ci stiamo attivando – ha detto –  per individuare i corretti percorsi giuridici. L’aggregazione apre prospettive straordinarie per la nostra azienda”. Peccato che il matrimonio sia stato clamorosamente bloccato prima dal Tar e poi dal Consiglio di Stato. Subito dopo la sentenza l’opposizione in Consiglio comunale a Seregno ha chiesto le dimissioni di Rossi e degli altri sindaci brianzoli che avevano lavorato per l’operazione: il primo a dire che Rossi non può più stare al suo posto è stato Tiziano Mariani, capogruppo della lista NoiXSeregno e promotore dei ricorsi davanti alla giustizia amministrativa (oltre a quelli del gruppo M5S Lombardia).  E a dare ragione a Mariani c’è anche l’ex senatrice Lucrezia Ricchiuti, che si associa alla richiesta di dimissioni non solo del sindaco ma anche degli amministratoridi AeB.

“Tiziano Mariani ha vinto. Era stato persino minacciato per avere esercitato un suo diritto. E ha avuto ragione su tutto. Gli amministratori di Aeb, che hanno perseverato nell’errore e con arroganza e presunzione non hanno voluto prendere in considerazione le argomentazioni del consigliere Mariani, o di chi aveva sollevato dubbi sull’operazione, devono dimettersi o essere dimessi perché hanno sbagliato tutto”.

 

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.