Coronavirus, +4.664% richieste di cassa integrazione nella metalmeccanica

225

“La pandemia ha impattato in modo inimmaginabile sulle situazioni di crisi dell’industria metalmeccanica lombarda”. Lo afferma la Fim Cisl, secondo la quale da gennaio a fine giugno, nella nostra regione, hanno chiesto la cassa integrazione 18.673 aziende contro le 392 di fine 2019 (+4.664%) per 382.885 lavoratori (+2.115%, erano 17.288 nel periodo precedente). “I dati dimostrano quanto l’impatto del Coronavirus sia stato profondo – commenta Andrea Donegà, segretario generale della Fim Cisl Lombardia – e quanto sia necessario che il piano per l’utilizzo del Recovery fund si concentri su: transizione tecnologica, formazione e politiche attive, investimenti a favore dei soggetti più deboli: permanendo il divieto di licenziamento e gli ammortizzatori sociali, temiamo un contraccolpo occupazionale nel 2021”. Secondo i dati Fim Cisl la mobilità, anche e soprattutto per il divieto ai licenziamenti imposto per decreto, resta praticamente costante per quel che riguarda il numero di aziende interessate, ovvero 10 (9 aziende nel semestre precedente) fissando a 106 il numero di lavoratori coinvolti (183 nel semestre precedente). “Temiamo che i lavoratori più colpiti, alla fine, saranno quelli a salario più basso, occupati in attività a bassi contenuto tecnologico e valore aggiunto, ai margini delle catene globali delle produzioni”, conclude Donegà.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.