“La Lombardia continuerà a crescere anche nel 2023”. Lo ha affermato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, oggi in occasione del consueto incontro per lo scambio di auguri con i giornalisti. Il governatore, oltre a ringraziare i professionisti dell’informazione per l’importante attività svolta, ha indicato gli obiettivi per il prossimo anno. “Il 2023 nonostante il difficile contesto economico – ha detto Fontana – sarà ancora un anno di crescita per la nostra regione. Prenderà il via un periodo in cui ci confronteremo soprattutto con l’Europa. Per questo è necessario essere ancora più competitivi a livello internazionale per continuare a guadagnare posizioni nelle classifiche che già ci vedono ben posizionati a livello mondiale”. Con l’occasione il presidente Fontana ha ringraziato anche gli assessori per il lavoro svolto in Giunta regionale. “Il bilancio degli ultimi cinque anni – ha aggiunto il presidente – è molto positivo. Nonostante abbiamo vissuto uno dei momenti più difficili della storia della Lombardia, abbiamo saputo reagire in un modo sorprendente. Il mio grazie va anche agli assessori: la nostra maggioranza è coesa”.

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedenteRegionali, Moratti: Monica Forte capolista, il tema della legalità è importantssimo
Articolo successivoRapine e furti in centro a Monza, preso grazie a un tatuaggio
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati