Capo ultrà ucciso, don Ciotti: inaccettabile quello che è successo a San Siro

Il presidente di Libera interviene su quanto accaduto sabato sera a San Siro, quando gli ultrà dell'Inter hanno svuotato lo stadio non appena hanno saputo dell'uccisione di Vittorio Boiocchi.

9

“È inaccettabile che gli ultrà di San Siro svuotino con prepotenza la curva durante una partita dell’Inter in omaggio al capo pregiudicato ucciso a Milano”. E’ quanto afferma don Luigi Ciotti, presidente di Libera, su quanto accasuto sabato sera a San Siro. “Un grave segnale che ancora una volta rischia di passare per banale teppismo. E non lo è”.
L’uscita dei tifosi dalla Curva nord durante la sfida tra Inter e Sampdoria, in seguito alla morte del capo ultras nerazzurro Vittorio Boiocchi, ha generato polemiche Sono diverse infatti le testimonianze di tifosi costretti a lasciare il proprio posto nel settore della tifoseria organizzata, nella gara giocata sabato a San Siro . Sui social sono spuntate diverse testimonianze di tifosi obbligati a lasciare il proprio posto, invitati anche con le maniere forti. “Non mi capacito di come 8/10 persone abbiamo sgomberato un intero settore con urla, minacce e spintoni”, scrive un tifoso interista su Twitter. “Ho visto bambini piangere e persone venire spintonate perché non volevano andarsene”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.