La Veneranda Biblioteca Ambrosiana e la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano hanno presentato stamani un accordo di collaborazione che segna l’inizio di un comune percorso volto a fare rete, per la valorizzazione del patrimonio di fede e di arte che i due enti custodiscono da secoli. Dal primo novembre sarà in vendita sul sito ufficiale www.duomomilano.it una tipologia di biglietto combinato che permetterà di visitare il Duomo, il Museo del Duomo e la Pinacoteca Ambrosiana di piazza Pio XI. Il biglietto è valido 72 ore per un unico accesso ai singoli luoghi ed è disponibile tutti i giorni tranne il mercoledì (giorno di chiusura del Museo del Duomo e dell’Ambrosiana). Dal 3 novembre, inoltre, tutti i giorni tranne il mercoledì, per gruppi privati da 2 a 6 persone, in orario a scelta, sarà possibile prenotare dalla sezione “Visite Guidate e Incentive” del sito ufficiale www.duomomilano.it il tour guidato “Federico Borromeo tra Duomo e Accademia Ambrosiana”.
Una collaborazione che guarda lontano, nel segno della promozione culturale e turistica della città, con strategie e obiettivi comuni che si rivolge sia ai cittadini milanesi, sia ai milioni di visitatori che ogni anno giungono a Milano. Un’occasione unica – è stato evidenziato oggi nella conferenza stampa di presentazione dell’accordo nella sede della Veneranda Biblioteca Ambrosiana – per scoprire i tesori del Duomo di Milano e i capolavori dell’Ambrosiana, tra cui opere di Leonardo da Vinci, Raffaello, Caravaggio, Botticelli e molti altri insigni autori. Queste le parole di Mons. Marco Ballarini, Prefetto della Veneranda Biblioteca Ambrosiana: “Mi piacerebbe che questa collaborazione diventasse collaborazione culturale nel senso più profondo del termine. Penso a una Scuola dell’Ambrosiana con incontri che illustrino il patrimonio della Biblioteca e della Pinacoteca non soltanto dal punto di vista tecnico-artistico ma anche umano-spirituale, per riscoprire i valori più veri della nostra tradizione”.Mettere a frutto una collaborazione tra il Duomo e la Veneranda Biblioteca Ambrosiana è stato per noi naturale, non soltanto poiché quattro membri del Collegio dei Dottori fanno parte del Capitolo Metropolitano della Cattedrale, ma poiché i nostri enti condividono la stessa missione: recuperare il tempo passato, nel conservare, per trasformarlo in crescita culturale per Milano. Camminiamo, insomma, nella stessa direzione: siamo parte di una medesima realtà che entra nella città e nelle sue tensioni. Ci auguriamo che questa collaborazione tra realtà originate dall’ ambito della Chiesa di Milano possa ampliarsi e divenire così una radice feconda dalla quale possa germogliare qualcosa di bello e di importante”, ha commentato monsignor Gianantonio Borgonovo, Arciprete del Duomo di Milano.


Fedele Confalonieri, presidente della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, ha spiegato: “L’inizio di una collaborazione tra la Veneranda Fabbrica del Duomo e la Veneranda Biblioteca Ambrosiana è una buona notizia non soltanto per i cittadini lombardi, ma per tutti i turisti che arrivano a Milano per visitarne i tesori. Il biglietto combinato che presentiamo oggi unisce idealmente questi due luoghi, rendendoli accessibili con maggior facilità. In particolare, il mio auspicio è che questa iniziativa possa portare i milanesi a riscoprire questo straordinario patrimonio artistico”. Confalonieri ha inoltre sottolineato: “Noi abbiamo circa 2 mln di visitatori quest’anno, e tutti questi sono i visitatori che possono venire all’Ambrosiana, che ora fa circa 50-60 mila, non solo qualche introito in più ma anche fatto culturale”.
Lorenzo Ornaghi, Presidente della Congregazione dei Conservatori della Veneranda Biblioteca Ambrosiana ha aggiunto: “ldeare cose nuove, e realizzarle insieme, ravviva lo spirito ambrosiano, nel suo essenziale intreccio religioso e civile. È un insieme di cui ogni giorno avvertiamo sempre di più la necessità, proprio per alzare intelligentemente e coraggiosamente lo sguardo verso il nostro domani».  Antonello Grimaldi, Segretario generale della veneranda biblioteca ambrosiana ha sottolineato come sia importante “Preservare per valorizzare, perché vogliamo preservare i nostri gioielli. Valorizzare significa che diventano un volano sia per l’economia, il sostentamento di questi enti, ma anche per un circolo virtuoso e tutto questo in vista di un percorso che vogliamo intraprendere insieme al Duomo, allargarlo in vista di due grossi appuntamenti: il Giubileo 2025 e le olimpiadi ai quali noi vogliamo essere protagonisti con i nostri gioielli e con il simbolo di essere milanese”. Fulvio Pravadelli, direttore generale veneranda fabbrica del Duomo di Milano ha affermato che “abbiamo pensato di concretizzare questa lunga vicinanza storica tra veneranda fabbrica e biblioteca-pinacoteca Ambrosiana, che nasce nei secoli nei rapporti tra i Borromeo e il Duomo, San Carlo Borromeo, Federico Borromeo. Abbiamo una vicinanza sia fisica sia di carattere culturale che adesso vorremmo offrire a disposizione di tutti i turisti che vengono a Milano, che vengono in Duomo, ai quali vorremmo far conoscere anche le meraviglie dell’Ambrosiana”. 

Fulvio Pravadelli direttore generale della Veneranda Fabbrica del Duomo.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.