Scoperti 43 lavoratori in nero in Brianza, c’erano anche ultrasettantenni

Controlli mirati della Guardia di Finanza di Monza, Seregno e Seveso su alcuni datori di lavoro "ad alto profilo di rischio". Trovati anche due pensionati.

20

I militari della Guardia di Finanza hanno scoperto 42 lavoratori in nero. Le indagini si sono concentrate sulla posizione di alcuni datori di lavoro. Variano da 45.000 a 270.000 euro le sanzioni elevate su tutto il territorio provinciale dai Finanzieri del Gruppo di Monza e delle Compagnie di Seregno e Seveso che hanno sorpreso 42 lavoratori, di cui 28 italiani e altri di varia nazionalità, che lavoravano in esercizi commerciali brianzoli (tra gli atri un lavaggio auto, due fruttivendoli ambulanti e benzinai). Tra i lavoratori in nero scoperti, le Fiamme Gialle hanno individuato due ultrasettantenni pensionati, un possessore di auto di grossa cilindrata e un percettore, senza averne diritto, di reddito di cittadinanza. Quest’ultimo è stato denunciato alla Procura e segnalato all’I.N.P.S. per il recupero di 6.280 euro. Sono 19 gli esercizi commerciali per i quali è stata richiesta all’Ispettorato Territoriale del Lavoro la sospensione dell’attività.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.