Home News Ancora violenza in metropolitana

Ancora violenza in metropolitana

Botte a un agente di stazione sulla M1 e borseggiatrici che danno fuoco a un mezzanino sulla M3. I sindacati: "Chiediamo sicurezza ma Atm e istituzioni sono assenti".

Altri due episodi di violenza ai danni del personale dell’Atm di Milano. Sabato 2 luglio un agente di stazione della linea rossa è stato aggredito a calci e pugni in pieno giorno mentre sulla linea gialla una banda di borseggiatrici ha appiccato il fuoco alla cabina dell’agente di stazione per distrarre il personale e approfittare della confusione per fuggire. Lo rende noto un comunicato della Rsu, le rappresentanze sindacali unitarie, della metropolitana. Nel caso delle borseggiatrici, spiegano i sindacati, la prontezza del personale, che ha spento subito il principio di incendio, ha permesso di evitare conseguenze ben più gravi. Solo lunedi scorso c’era stato uno sciopero proprio per tornare a sollevare il sempre più grave problema della sicurezza sui mezzi pubblici, con il personale preso di mira ormai quasi quotidianamente e una scarsissima vigilanza sulla rete. “Dove sono le istituzioni?” si chiedono i sindacati dei lavoratori della metropolitana che tornano a sollecitare una maggiore presenza di forze dell’ordine e accusano Atm di “essere assente nelle questioni più importanti come la sicurezza dei suoi dipendenti”. “Ormai è come il Bronx degli anni 90” si legge nella nota delle Rsu che chiedono “azioni immediate da parte delle istituzioni e dell’azienda” in mancanza delle quali saranno prese altre iniziative di protesta.

(Nella foto presunte borseggiatrici a caccia di prede segnalate su un gruppo Telegram)

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version