Da oggi possono prenotare la terza dose di vaccino anti-Covid tutti i cittadini lombardi che hanno più di 18 anni. Ovviamente si potrà ricevere la somministrazione solo se sono trascorsi almeno 5 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario. E, sempre da oggi, tutte le donne in gravidanza – o che stanno allattando – che scelgono di vaccinarsi possono accedere direttamente al Palazzo delle scintille di Milano. In questo caso non è quindi necessaria la prenotazione. “Visto l’importante aumento di contagi a cui stiamo assistendo nell’ultima settimana – spiega la vicepresidente della Regione Lombardia e assessore al Welfare, Letizia Moratti – le donne gravide o le neomamme che stanno allattando possono accedere direttamente alle Scintille. Rientrano, infatti, tra le categorie da proteggere il prima possibile contro l’infezione. Ringrazio dunque la direzione di presidio dell’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano che ha reso possibile l’accesso alla vaccinazione tra le 8 e le 20″. “Negli ultimi giorni – conclude Moratti – ho ricevuto molti messaggi personali e ho quindi pensato che l’informazione poteva essere più utile se data collettivamente”. Le modalità di prenotazione per le  categorie per cui non è previsto l’accesso libero sono: – portale di Poste raggiungibile all’indirizzo www.prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it ,  numero di telefono 800.894.545. Restano ovviamente sempre aperte le prenotazioni per il ciclo primario (1° e 2° dose).

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedenteBrianza, ragazzino scomparso, avviate le ricerche
Articolo successivoDue incidenti sul lavoro nel bresciano
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati