Delpini agli islamici, continuiamo a lavorare insieme nella Milano ferita dalla pandemia

È l’invito che l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, rivolge agli islamici nel messaggio per la conclusione del mese di Ramadan, che cadrà quest’anno tra mercoledì 12 e giovedì 13 maggio.

55

“Continuiamo a lavorare insieme nel costruire relazioni pacifiche e fraterne, ottenendo come frutto l’armonia anche qui, nella Milano ferita dalla pandemia e alla ricerca di energie spirituali per poter intraprendere un nuovo cammino di rinascita. Dobbiamo irrobustire incontro e dialogo che domandano sostegno e ricarica dopo il logoramento di questi mesi di emergenza sanitaria, sociale e spirituale”. È l’invito che l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, rivolge agli islamici che vivono in Diocesi nel messaggio per la conclusione del mese di Ramadan, celebrata con l’ Id al-Fitr, la festa della interruzione del digiuno, che cadrà quest’anno tra mercoledì 12 e giovedì 13 maggio. “In questo tempo eccezionale, segnato dalla pandemia e dalle crisi che la situazione attuale accelera ed esaspera, il compito della religioni è quello di aiutare a discernere il bene e metterlo in pratica con le opere, con la preghiera e con la fatica del lavoro interiore, per edificare la cultura dell’incontro e della pace, fatta di pazienza e comprensione”, spiega l’Arcivescovo nel testo che ha fatto recapitare ai rappresentanti delle comunità musulmane presenti in Diocesi. “In questi anni come Chiesa cattolica abbiamo incontrato i responsabili di ogni centro islamico che nasceva in città e questo ha portato a un clima di proficua relazione e a una cultura di vera fiducia reciproca – spiega don Giampiero Alberti, responsabile del Centro Ambrosiano di documentazione per le religioni -. Ci siamo sempre più conosciuti, istaurando rapporti di reciproca fiducia, e questo periodo di crisi ci ha fatto riscoprire il valore dell’essere credenti nell’unico Dio”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.