“Abbiamo diversi progetti alla Scala per andare nei quartieri con l’orchestra che con il ballo e il coro. Abbiamo un progetto concreto e lo metteremo in atto. Se sarà possibile lo faremo questa estate, altrimenti più avanti”: lo ha riferito il sovrintendente del Teatro alla Scala Dominique Meyer intervenendo all’incontro ‘Passato, presente e futuro, confronto e proposte per una lirica inclusiva’, promosso dal Coordinamento Spettacolo Lombardia nell’ambito della mobilitazione ‘Piccolo Teatro Aperto’. Meyer ha parlato anche di un secondo “progetto sociale” che riguarda invece i bambini, per portarli a teatro. “Non vogliamo rivolgerci solo a loro, ma permettere alle famiglie di accompagnarli, a prezzi agevolati – ha detto -. L’anno prossimo non avremo i turisti, di solito erano il 30% del pubblico. Ci siamo rivolti a un compositore per riadattare alcune opere a un pubblico di bambini, che sono più aperti degli adulti a nuovi tipi di musica. Stiamo organizzando un sistema di streaming permanente al Teatro La Scala e vorremmo usare questi mezzi per comunicare con le scuole”. (MiaNews)

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.