Gli agenti del commissariato di Porta Monforte lo hanno arrestato per spaccio di stupefacenti e indagato per abbandono di minore. L’arrestato, un pusher marocchino di 39 anni, sposato con una donna italiana e con due figli piccoli, è stato seguito dalla sua abitazione in via dei Panigarola fino a un luogo di scambio in via degli Etruschi per consegnare alcune dosi di stupefacente a un cliente. A bordo della propria vettura, il 39enne ha lasciato anche la figlia di quasi 5 anni che si era portato dietro per evitare possibili controlli delle forze dell’ordine. L’inseguimento si è concluso verso le 16.40 lungo viale Molise dove l’uomo è stato arrestato e trovato in possesso di due dosi di cocaina e 250 euro in contanti. Durante la perquisizione domiciliare, gli agenti della Polizia di Stato hanno ritrovato anche 1.300 euro nascosti tra gli oggetti dell’uomo. La bambina è stata riconsegnata alla madre, che al momento risulta essere estranea all’attività illecita del marito. In casa è stato anche ritrovato un versamento di contributi per lavoro in qualità di badante su cui ora sono in corso ulteriori accertamenti.

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, Fontana: presto aperture graduali, in Lombardia dati in miglioramento
Articolo successivoScala, Meyer: concerti nei quartieri a prezzi agevolati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.