“I giorni più bui”, un medico di Bergamo racconta i primi mesi della pandemia

81

Una testimonianza di quelli che sono stati i primi terribili mesi della pandemia. La racconta Giovanni Albano, medico bergamasco responsabile di Anestesia e Rianimazione di Humanitas Gavazzeni a Bergamo, nel libro “I giorni più bui”. Gianni e Giorgio, rispettivamente medico e paziente nella Bergamo travolta dal Covid un anno fa, sono i protagonisti.  Gianni è anestesista e rianimatore di Humanitas Gavazzeni di Bergamo. Nel momento in cui scoppia il primo caso di Covid-19 nella sua zona e nell’ospedale in cui lavora, è in ferie, insieme alla moglie e a una coppia di amici. Ma quando gli comunicano i primi numeri di quella che sta per diventare una vera e propria emergenza sanitaria, capisce che qualcosa non va e torna di fretta, pronto alla battaglia. Da quel momento in poi la sua vita viene risucchiata in un vortice tremendo: la tragedia dei morti, la disperazione, la fatica e lo stupore dei pazienti, dei familiari e di tutto il personale ospedaliero toccano le corde più profonde della sua professione. Tuttavia, malgrado le difficoltà, questa esperienza sembra essere anche ricca di insegnamenti sul senso dell’esistenza e sull’importanza della cura. Giorgio, invece, è uno dei primi malati di Covid-19 della zona. In presa diretta, con lo sguardo di chi vede sul suo corpo gli effetti devastanti del virus, racconta i sintomi, le complicazioni respiratorie, i pensieri che affollano la sua mente e poi la terapia intensiva, il limbo nel quale si troverà per giorni e giorni, sospeso tra la vita e la morte.

Ascolta l’intervista all’autore

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.