Pronti partenza, riposizionarsi. Ora occhio bene a chi fa che cosa. Perché con l’addio di Conte sarà un fuggi fuggi. Leggete bene i giornali in questi giorni. Vi ricordate lo strapotere di Casalino, i peana per Speranza, i bravo bene bis per questo e quello? Ecco, tutto finito. Nel giro di due giorni, complice la manovra azzardata da pokerista di Matteo Renzi (elettoralmente si vedrà, ma a Palazzo è un giocatore magnifico), vedrete giornali sdraiati alzarsi improvvisamente in piedi. Per andare a sdraiarsi da un’altra parte, ovviamente, nel più breve tempo possibile. La scenetta mi provoca sempre un po’ di allegria, e dunque consiglio l’osservazione accurata. Chissà che non si recuperi un po’ di obiettività anche verso il Nord, Milano, la Lombardia. Tutti bistrattati, dipinti come untori e manco efficienti, terre inquinate dove se anche uno muore è un po’ colpa sua e di quella grandeur che – diciamocelo – aveva un po’ scassato il ca al resto d’Italia. Ma che di certo non si meritava quello che è venuto dopo: sussidi a pioggia al sud, nessuna attenzione alla locomotiva e ai primi vagoni, più simili ad asini da frustare che a esseri umani da rispettare. Ora si vedrà Draghi, che cosa farà. Di certo Milano aspetta un segnale. Se arriverà, la ferita tenderà a richiudersi. Sennò sarà più profonda, più odiosa, più difficile da rimarginare.

Fabio Massa

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.