Banconote false e spaccio, arrestati 7 magrebini

30

I Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, nel capoluogo ed in provincia di Pavia, hanno eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Milano, nei confronti di 7 persone, tutte di origine magrebina, alcune delle quali irregolari sul territorio nazionale, indagate a vario titolo, per i reati di spendita e introduzione nello stato, previo concerto, di monete falsificate, spaccio di sostanze stupefacenti e ricettazione. L’indagine, condotta dai militari della Compagnia Carabinieri Milano Duomo, nasce a seguito di diverse segnalazioni e denunce sporte da cittadini che avevano venduto cellulari o altri beni di consumo tramite siti di annunci on-line, ricevendo quale corrispettivo dai compratori delle banconote false. Ricorrente era il luogo d’incontro indicato dall’acquirente, ovvero la zona di piazzale Loreto.  Le indagini hanno messo in luce l’esistenza di una consolidata rete di distribuzione di banconote false di pregevole fattura, sia al dettaglio che all’ingrosso, prodotte da stamperie dislocate nel territorio campano, di natura off-set ovvero digitale, come documentato peraltro dagli accertamenti esperiti dal personale del Comando Carabinieri Antifalsificazione Monetaria di Roma.  A margine dell’indagine, è stata per di più documentata l’attività di spaccio hashish, messa in piedi da uno degli indagati in favore di una rete di fidelizzati clienti. Nel corso dell’indagine sono state arrestte 3 persone in flagranza di reato e sequestrate banconote contraffatte per un valore complessivo di circa 56.000 euro. Il circuito illecito era stato anche oggetto di un servizio televisivo realizzato da Max Laudadio di “Striscia la notizia”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.