La camera ardente di Philippe Daverio è stata aperta alle 9.30 all’interno della sala della Passione della Pinacoteca di Brera. Il carro funebre con il feretro è arrivato seguito dall’automobile con la moglie Elena Gregori. “Quanto abbiamo litigato… però tutte queste persone ingombranti mancano molto. È il caso di dire che non ho parole. Penso sarà contento, gli piaceva che la folla lo amasse. Era un uomo speciale, una sensibilità al di là del normale, era molto generoso. Lui aveva ancora tantissimi progetti, penso non se lo aspettasse neanche lui” ha commentato. Presente ad accogliere il feretro e le numerose persone già in fila dalle prime ore della mattina anche il direttore della Pinacoteca di Brera, James Bradburne: “Pur non essendo milanese, lui rappresentava il cuore di Milano. Mi ha aiutato a scoprire questa città” ha detto il direttore ricordando Daverio.  Sul feretro, la vedova di Philippe Daverio ha posizionato gli occhiali del critico d’arte, un papillon, la decorazione della legione d’onore e una rosa rossa. Il direttore della Pinacoteca di Brera James Bradburne ha invece ripercorso l’inizio della sua amicizia con Daverio. “Conoscevo Philippe già quando ero direttore del Palazzo Strozzi a Firenze. Era venuto a vedere tutte le mostre che avevamo organizzato”, ha raccontato. “Quando sono stato nominato per Brera, sulla stampa aveva scritto male di me. Mi aveva sconvolto dicendo che avevo diretto bene a Firenze, però non sapeva se avessi l’esperienza di gestire i sindacati, la burocrazia e la politica italiana – ha raccontato -. Allora io lo chiamai subito e andammo a mangiare assieme, gli raccontai cosa pensassi e in quel momento abbiamo stretto un’amicizia immediata. Lui è sempre stato un mio sostenitore e mi ha fatto conoscere Milano quando sono arrivato e ancora non conoscevo i ritmi e le memorie di questa città” ha concluso.

La moglie Elena Gregori.

Commenti FB
Articolo precedenteSpaccia shaboo agli arresti domiciliari, arrestato filippino 43enne
Articolo successivoRitrovato il 38enne disperso a Maccagno con Pino e Veddasca (VA)
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.