Spaccia shaboo agli arresti domiciliari, arrestato filippino 43enne

63

Ieri a Milano la Polizia di Stato ha arrestato un cittadino filippino di 43 anni, irregolare sul territorio nazionale e con precedenti di polizia, per detenzione e spaccio di stupefacenti.
Ieri pomeriggio verso le ore 16.00, gli agenti del Commissariato Mecenate si sono recati in un appartamento di via Feltrinelli per notificare all’uomo un’ordinanza con cui si disponeva la sostituzione degli arresti domiciliari con la custodia in carcere. Giunti sul posto, mentre alcuni poliziotti sono rimasti in strada sotto le finestre dell’appartamento, altri sono saliti nell’abitazione per eseguire l’ordinanza: quando la moglie del 43enne ha fatto accomodare gli agenti del Commissariato Mecenate in casa, l’uomo ha lanciato dalla finestra un bilancino di precisione e un contenitore per alimenti, recuperato dai poliziotti che erano rimasti in strada, al cui interno vi erano numerosi filtri di sigarette e 4,6 grammi di shaboo. Lo shaboo, una droga a forte connotazione etnica, circola solitamente nelle comunità del sudest asiatico e ha effetti devastanti già a piccole dosi: basta, infatti, una dose da 0,1 grammi per avere degli effetti più di 10 volte superiori alla cocaina. Oltra alla custodia in carcere appena notificatagli, il 43enne è stato, pertanto, arrestato in flagranza per detenzione e spaccio di stupefacenti.

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.