Propaganda ISIS, 38enne arrestato: “l’emergenza Covid è una cosa positiva”

Per Nicola Ferrara, arrestato per istigazione all'adesione all'ISIS, il Coronavirus è una cosa voluta da Allah perché così i non musulmani trovano più difficoltà nel peccare.

145

Si faceva chiamare ‘Issa Ferrara’ sui social, dove diffondeva immagini e video di Bin Laden, delle Torri Gemelle, di foreign fighters e anche di donne e bambini armati di mitra che giuravano di uccidere i “miscredenti”. Così questa mattina Nicola Ferrara, 38enne pugliese ma da nove anni a Milano, è stato arrestato dai Carabinieri del Ros per apologia e istigazione all’adesione all’Isis. Ferrara, dopo sei mesi tra Qatar ed Emirati Arabi era rientrato a Milano, dove lavorava in un parcheggio a pagamento, e dal 2015 si era convertito e radicalizzato. Per quasi 5 anni avrebbe portato avanti un’ossessiva opera di propaganda dello Stato Islamico attraverso audio, video e immagini di matrice terroristica su tutti i suoi social. L’opera di propaganda era continuata anche durante l’emergenza Covid, definita dal giovane “una cosa di Allah, una cosa positiva”, perché “la gente sta impazzendo” e per i non musulmani “tutto l‘haram (atti proibiti, vizi, disapprovati) adesso è difficile farlo”. Le indagini erano partite dall’associazione culturale Al Nur, luogo di culto ed aggregazione islamico con sede nel capoluogo lombardo, che il 38enne frequentava assieme ad altri ragazzi con i quali si metteva anche in contatto con gli strumenti di propaganda dell’Isis.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.