Coronavirus, in Lombardia azzeramento di casi previsto a metà agosto

E' quanto prevede uno studio dell'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane, coordinato da Walter Ricciardi.

135

In Lombardia l’azzeramento dei nuovi casi potrebbe avvenire a metà agosto. Lo prevede lo studio di  “Osservasalute”, che ha sede presso l’Università Cattolica di Roma, coordinato da Walter Ricciardi. La prima  Regione  a registrare zero nuovi casi dovrebbe essere il Trentino Alto Adige, seguito da Calabria, Umbria, Sardegna e Basilicata, che vedrebbero un azzeramento a partire dal 21 maggio. In Lazio, Emilia-Romagna, Marche, Liguria e Piemonte l’azzeramento dei contagi dovrebbe avvenire dopo il 17 giugno. Le stime, spiega l’Osservatorio, “sono fatte con un mantenimento della mobilità sociale a livelli estremamente contenuti: sarà necessario dunque rivederle alla luce dell’ultimo DPCM che approva misure per l’attenuazione sostanziale di queste limitazioni”. Le proiezioni considerano i provvedimenti presi  fino al 15 maggio e non permettono di prevedere gli effetti sui nuovi contagi dovuti alla fine del lockdown. “La Fase 2 – sostiene  Alessandro Solipaca, direttore scientifico dell’Osservatorio –  metterà alla prova la capacità organizzativa di Regioni e il buon senso dei cittadini, poiché interviene in un momento in cui i nuovi contagi sono ancora un numero a due cifre per 11 Regioni italiane (Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana e Veneto) e il rischio di una ripresa dell’epidemia non è trascurabile. Molto delicata la situazione in Lombardia, speriamo non si debba pagare un prezzo troppo alto in termini di salute”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.