Coronavirus, Fontana a Bergamo saluta i militari russi [VIDEO]

295

“Un ringraziamento doveroso a chi e’ intervenuto a darci una mano nel momento della difficolta’ veramente piu’ estrema, nel momento in cui si stava soffrendo tutti insieme in cui la citta’ di Bergamo e in genere il territorio bergamasco era in difficolta’: essere venuti in quel preciso frangente e’ stata una dimostrazione di amicizia e di un importante aiuto morale”.
Cosi’ il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana intervenuto alla cerimonia di saluto del contingente russo che rientrera’ in patria dopo aver aiutato con la sua opera le aree di Bergamo e Brescia, tra le piu’ colpite dal coronavirus.
Il contingente medico, inviato a seguito di un accordo tra il governo italiano e il governo russo, e’ composto da 104 persone tra medici, infermieri e addetti alla sanificazione. Il contingente militare russo e’ affiancato da un contingente
dell’Esercito Italiano (circa 50 persone). I medici e il personale sanitario russo hanno operato presso l’ospedale da campo di Bergamo, previa formazione presso l’Ospedale Papa Giovanni XXIII. Il resto del personale ha effettuato attivita’ di sanificazione presso le strutture RSA della bergamasca e della bresciana.

Commenti FB
Articolo precedenteCoronavirus, i dati: 689 positivi su oltre 15mila tamponi, ma le morti non si fermano (+134)
Articolo successivoI Cinquestelle della Lombardia con i pendolari: pochi treni su Trenord
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.