Sono salite a 46 le persone risultate positive al coronavirus in Lombardia. Lo fa sapere il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, che sta presiedendo, insieme all’assessore al Welfare, Giulio Gallera, l’Unita’ di crisi e che, in mattinata, ha partecipato ad un vertice in video conferenza con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Nel computo delle 46 persone infettate rientra anche la donna di 76 anni deceduta al proprio domicilio a Casalpusterlengo e che e’ stata sottoposta a tampone post mortem. In particolare, dei 7 nuovi casi appena confermati rispetto ai 39 gia’ comunicati questa mattina (due dei quali in provincia di Pavia e altrettanti in provincia di Cremona), uno e’ residente a Sesto San Giovanni (MI) ed e’ attualmente ricoverato all’Ospedale San Raffaele. Gli altri 6 provengono dalle zone gia’ interessate dall’infezione. Areu ha inoltre attivato un numero verde riservato agli abitanti dei 10 comuni ricompresi nell’ordinanza firmata ieri dal presidente Fontana e dal ministro Speranza. Il numero e’ 800894545.

Anche la Regione Lombardia attende una “ordinanza nazionale” su come comportarsi per l’emergenza Coronavirus. Fino ad allora resta in vigore l’ordinanza emanata ieri per la zona del Lodigiano colpita con “cordoni sanitari” come quelli predisposti, mentre laddove si verifichino singoli casi si procederà con “azioni che portino ad essere subito isolate le persone in contatto con i casi positivi”. “Ci deve essere un comportamento omogeneo in tutto il territorio – ha detto in prefettura l’assessore al Welfare Giulio Gallera -, senza iniziative di singole realtà. Le istituzioni sono fortemente responsabilizzate e ci si muove in maniera coordinata e senza creare allarmismi. Rimaniamo in attesa delle linee guida. Ad oggi – ha aggiunto – lo scenario di Milano non vede una positivita’ strutturata, vedremo cosa succede”. (MiaNews)

Commenti FB
Articolo precedenteCoronavirus: in Lombardia 39 casi, a Codogno il focolaio
Articolo successivoCoronavirus, Sala: nessuna chiusura di uffici e servizi pubblici [VIDEO]
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.