Home News Morti in corsia, ergastolo per Leonardo Cazzaniga

Morti in corsia, ergastolo per Leonardo Cazzaniga

saronno ospedale

Leonardo Cazzaniga è stato condannato all’ergastolo, la presidente della Corte d’Assise di Busto Arsizio, Renata Peragallo, ha letto la sentenza dopo sette ore di camera di consiglio. Cazzaniga, 64 anni, ex vice primario del pronto soccorso di Saronno, è stato riconosciuto colpevole per undici dei dodici omicidi di pazienti di cui era accusato e per quelli di tre familiari (il marito, la madre e il suocero) della sua amante, l’infermiera, Laura Taroni.

Commenti FB
Articolo precedenteBillie Eilish regina dei Grammy Awards
Articolo successivoIntitolazione via ad Andrea Schivo, si del consiglio comunale
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version