Enrico Fedrighini è entrato in consiglio comunale al posto di Paolo Limonta

420

Entra oggi in consiglio comunale Enrico Fedrighini, di Milano Progressista, al posto di Paolo Limonta, diventato assessore all’Edilizia scolastica. E’ stato votato oggi dall’aula il provvedimento di surroga . Fedrighini è già stato consigliere comunale a Milano dal 2006 al 2011 ed era, fino ad oggi, assessore all’Ambiente e Mobilità del Municipio 8. “Ho rimesso il mandato come co-portavoce cittadino dei Verdi”, ha annunciato oggi prendendo la parola in aula. Poi ha espresso la sua opinione sulla vicenda del taglio degli alberi del parco Bassini da parte del Politecnico, che ha scatenato polemiche e critiche nei giorni scorsi con un duro scontro tra il sindaco Giuseppe Sala e i Verdi, da cui proviene lo stesso Fedrighini. “L’episodio di Bassini non va taciuto. Non voglio più vedere come scene con la Polizia e i Carabinieri che si occupano di un progetto di trasformazione urbana, a Milano non deve più accadere”. “Da un punto di vista normativo”, prosegue, “dobbiamo evitare che questa procedura semplificata diventi un precedente, dall’altro io chiedo che venga indetta una seduta consiliare per definire priorità, obiettivi, scadenze su quello che è un tema strategico per Milano”.

Commenti FB
Articolo precedenteDipendente Amsa cade e batte la testa, è in gravi condizioni
Articolo successivoLa polemica Verdi-Sala impazza sui social, ma il grande escluso è l’ambiente
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.