Le iniziative come le domeniche a piedi “possono avere un valore simbolico però c’è un punto che differenzia l’approccio di Regione Lombardia da quello del Comune di Milano. Il Comune di Milano continua a scegliere la strada dei divieti e delle sanzioni, lo ha fatto con Area B, lo sta facendo oggi imponendo piste ciclabili laddove c’è anche una reazione popolare che dice ‘dobbiamo anche poter continuare a vivere nelle nostre periferie’. Noi vogliamo una strada diversa, abbiamo scelto provvedimenti come il progetto Move In, la scatola nera per i veicoli” perché “dobbiamo costruire un modello in cui i cittadini possano scegliere liberamente i comportamenti virtuosi” in modo che “si rendano conto che sono più utili per sé e per gli altri, non perché gli vengono imposti” e perché “se non li rispettano devono pagare la multa”: questo produrrà l’effetto contrario cioè una fuga dai quei comportamenti di cui abbiamo tutti bisogno”: lo ha affermato a Mianews l’assessore regionale ad Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, commentando a margine di un incontro al Pirellone, la proposta di domeniche a piedi rilanciata dai consiglieri comunali del Pd, Carlo Monguzzi (Presidente della Commissione Ambiente di Palazzo Marino) e Alessandro Giungi, partendo anche dal World Car Free Day del 22 settembre. (MiaNews)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.