“In questi casi dico sempre che la magistratura sta indagando. Quindi è giusto che gli inquirenti facciano i loro passi. Dal nostro punto di vista siamo, come sempre, disponibili a fornire tutte le informazioni che ci sono richieste. Qualora dovessero emergere delle situazioni di comportamenti obiettivamente non corretti, o peggio di reati, come sempre interverremo come abbiamo già fatto anche in passato.” Così Stefano Cetti, direttore generale di MM Spa, a margine della conferenza stampa di presentazione alla Centrale dell’Acqua di piazza Diocleziano della quinta edizione del “Festival Internazionale dei Depuratori”, in merito al coinvolgimento di un funzionario dell’azienda nell’inchiesta sulla corruzione emersa una settimana fa e condotta dalla Procura di Milano. Per quanto riguarda le iniziative di censura, come rimozione dall’incarico o licenziamento, che MM potrebbe adottare nei confronti del funzionario, Cetti ha precisato che: “i provvedimenti che saranno presi potranno essere di diverso impatto. Dipende dalla gravità degli elementi che emergeranno. Come sempre noi attiviamo un’indagine interna, parallela a quella di chi indaga, alla quale non si deve sovrapporre, come ovvio. Anche in questo caso l’abbiamo fatto. L’audit interno sta verificando tutte le carte e procederemo in base a quello che emergerà dall’audit e dallo sviluppo delle indagini.” (MiaNews)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteLegnano, il Prefetto nomina il Commissario
Articolo successivoOperazione Piazza Pulita, “spregiudicate manipolazioni delle procedure di nomina”
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.