“Questa legislatura regionale è iniziata evidenziando da subito una grande attenzione e sensibilità al tema della legalità, e numerose sono le iniziative concrete che abbiamo già messo in campo e continueremo a promuovere. Un ulteriore segnale importante, in queste ultime settimane, è sicuramente la presenza dell’istituzione regionale a un importante processo contro la criminalità organizzata che interessa una vasta area del territorio comasco, alle cui udienze ho formalmente delegato la Presidente Forte a partecipare ed essere presente per testimoniare la nostra vicinanza ai testimoni. Ai giovani, presenti così numerosi in questa sala, rivolgo infine l’invito a scegliere di stare sempre dalla parte della legalità, a saper dire sempre “no” a tentazioni che violano le regole e i sani principi della convivenza sociale e civile, perché questo comportamento non solo dà a ciascuno grande forza interiore e profonda autostima, ma diventa di esempio e riferimento morale per l’intera società”.

Lo ha detto il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi, aprendo questa mattina i lavori della “Giornata regionale dell’impegno contro le mafie e in ricordo delle vittime, tenutasi nell’Auditorium Gaber di Palazzo Pirellie dedicata quest’anno ai giornalisti vittime di mafia. 

All’evento, promosso dalla Commissione speciale Antimafia, anticorruzione, trasparenza e legalità presieduta da Monica Forte, in collaborazione con il Comitato tecnico-scientifico per la legalità e il contrasto alle mafie, hanno partecipato oltre 350 studenti in rappresentanza di numerose scuole superiori lombarde.
Nel corso della mattinata gli studenti milanesi dell’Istituto “Einstein” e dell’Istituto “Gentileschi” e i ragazzi e le ragazze del Liceo “De Andrè” di Brescia hanno illustrato e raccontato l’opera e l’impegno contro la criminalità organizzata di tre giornalisti autori d’inchieste scomode che in modi diversi sono costate loro la vita: Giuseppe Fava, Giancarlo Siani e Cristina Cosimo. Gli studenti del  Liceo classico “Manin” di Cremona hanno invece presentato il loro laboratorio di giornalismo e mafia.

“Se pensiamo che controllare e condizionare l’informazione per le mafie sia condizione nel contempo di sopravvivenza e impunità
–ha detto la Presidente della Commissione Antimafia  Monica Forte, tirando le conclusioni della mattinata- allora è chiaro che il valore stesso della nostra democrazia viene messo in discussione. Non c’è regione italiana che non abbia dovuto censire casi di minacce o di violenza ai cronisti e, ogni due giorni, almeno tre giornalisti vengono minacciati. Nonostante il loro lavoro precario e nonostante la loro solitudine professionale, esiste però una generazione di giornalisti che non abbassa la testa, che è forse poco conosciuta ma che rappresenta la ragione dello spirito democratico e al tempo stesso di una rinnovata speranza, perché è solo con la schiena diritta e la testa alzata che ci possiamo davvero considerare liberi”.

Nel corso dei lavori si sono succeduti gli interventi dell’Assessore regionale all’istruzione, formazione e lavoro Melania Rizzoli e di Simona Chinelli in rappresentanza dell’Ufficio Scolastico regionale della Lombardia.
A introdurre il tema della giornata è stato Nando dalla Chiesa, Presidente del Comitato tecnico scientifico, che ha coordinato la tavola rotonda con le testimonianze dei giornalisti Sandro RuotoloEster Càstano e Claudio Campesi. 
A seguire un sipario musicale con la partecipazione di Kento, autore di rap.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.