È partito questa mattina lo sgombero del campo sinti a Gallarate. In via Lazzaretto sono arrivati mezzi del comune insieme agli agenti della polizia locale che hanno allontanato le famiglie dall’area. In via Madonna sono state montate tende della Croce Rossa. Da noi contattato il sindaco di Gallarate Andrea Cassani ha dichiarato che : “Io mi sarei atteso che queste persone se ne andassero autonomamente, questo non sta avvenendo e non è avvenuto quindi procederemo. La situazione di abusivismo c’è da 2009, i tempi e i modi per andarsene queste persone li hanno avuti, adesso è ora di dire basta anche perchè è da 9 anni che non pagano utenze, tasse ne nulla. Gallarate dice basta, la pacchia è finita.” Il consigliere regionale del Partito Democratico Samuele Astuti parla di “sgombero show, fatto con modalità che guardano più alla propaganda leghista che alla sostanza. Mi chiedo che bisogno ci sia di sgomberare a novembre anziché a giugno, così da permettere ai minori di finire la scuola che rimane il primo strumento di integrazione. E che senso ha prospettare, a novembre, di trasferirsi nelle tende? Hanno atteso anni e ora hanno fretta di mostrarsi intransigenti: ma i problemi, così, non si risolvono.”

Commenti FB
Articolo precedenteKISS a Milano: sold out il PIT, disponibili altri biglietti, M&G… e Ace Frehley?
Articolo successivoSanità , incontro tra Cardarelli e Niguarda
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.