Studenti milanesi a scuola di integrazione con Liliana Segre e Sant’Egidio

176
La scuola che esclude e quella che include. “NON UNo DI MENO. Per una scuola che include” è il titolo dell’iniziativa che la Comunità di Sant’Egidio organizza per gli studenti delle scuole superiori milanesi, in occasione degli 80 anni dalle Leggi razziali (1938-2018), oggi, lunedì 22 ottobre (ore 9:30-12:30) al Teatro Pime di Milano, in via Mosè Bianchi
Liliana Segre, espulsa dalla scuola di via Ruffini a Milano “per la sola colpa di essere nata“, porterà la sua testimonianza davanti ad oltre 600 studenti. “Era stata per me – ricorda Liliana Segre, che aveva 8 anni – un’estate normale di una normale famiglia italiana, borghese e agiata. Ma quel giorno le facce di mio padre e dei miei nonni non erano normali, erano diverse dal solito. ‘Ti dobbiamo dire una cosa’, ripetè papà. ‘Non potrai tornare a scuola, a ottobre. Sei stata espulsa’”. Quel giorno scoprii di essere ebrea”.
Oltre alla Senatrice, interverranno Elisa Giunipero della Comunità di Sant’Egidio, lo storico Gadi Luzzato Voghera, alcuni studenti che leggeranno l’elenco degli alunni cacciati dalle scuole milanesi nel 1938 e il coro del Liceo Carducci.
Si rifletterà anche sul presente, secondo l’insegnamento di Liliana Segre, che ha voluto il monito contro l’indifferenza scolpito a caratteri cubitali all’ingresso del Memoriale della Shoah.
Nella seconda parte della mattinata, si presenteranno esperienze di persone e realtà che hanno scelto di non essere indifferenti di fronte alle ingiustizie. In particolare, i giovani della Comunità di Sant’Egidio racconteranno l’impegno gratuito e volontario a favore dei bambini delle Scuole della Pace e altri progetti per l’inclusione scolastica.
La Comunità di Sant’Egidio è legata a Liliana Segre da un lungo rapporto di amicizia, da quando insieme hanno iniziato nel 1997 a fare memoria della deportazione degli ebrei da Milano, recandosi il 30 gennaio di ogni anno nei sotterranei della Stazione Centrale per cancellare il colpevole oblio caduto sui treni in partenza per i lager anche da Milano.
Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.