Teatro, burattini, letture, esposizioni e tanta musica: il piazzale fratelli Quarti nel
Palazzo di via Tasso si prepara a diventare un palcoscenico che animerà l’estate
2018 con diversi appuntamenti.
In scena oltre 20 spettacoli a partire dal prossimo sabato 23 giugno e fino alla fine di settembre, proposti da Abbm (Associazione bande bergamasche musicali), Ducato di piazza Pontida, Festival Orlando, deSidera Festival, Fondazione Benedetto Ravasio, Associazione Masque set Bergamasques, Coro Idica, Jazz Club Bergamo e con la collaborazione del progetto Coglia e dell’associazione Borgo Tasso e Pignolo. Agli eventi dal vivo si affiancano le esposizioni: dai segni araldici dei castelli di Malpaga e di Cavernago sotto il porticato a due sculture che verranno installate all’ingresso del Palazzo, oltre alle installazioni permanenti nel giardino.
Infine il progetto “Palazzo aperto”: il Palazzo della Provincia sarà aperto per visite guidate gratuite in occasione di alcuni degli eventi in programma. Le esposizioni saranno aperte al pubblico da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle 18 fino al 30 settembre; dopo quella data il giardino continuerà ad essere aperto con chiusura anticipata alle ore 17.

“Il palazzo della Provincia è sempre stato un luogo molto ambito per eventi dal vivo, quest’anno però abbiamo puntato ad arricchire l’offerta e a riunire in un unico cartellone tutto quello che succederà durante l’estate – spiega il presidente Matteo Rossi -. Trovo molto significativo che un luogo pubblico si apra alla gente con un’offerta che renda protagoniste diverse realtà culturali del territorio”. “Con questa iniziativa apriamo le porte di via Tasso valorizzando anche il patrimonio culturale permanente – aggiunge Alberto Vergalli, consigliere delegato alla Cultura – e allo stesso tempo vogliamo riconoscere e ringraziare chi lavora per la cultura a Bergamo, spesso a titolo volontario, considerando anche la fatica che spesso si fa nel reperire spazi per fare musica o teatro”.

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedentePeriferie, Sala: non mi sembra siano nell’agenda di governo
Articolo successivoMaturità, il più scelto è il tema sulla solitudine
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati