Il Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni ha mostrato oggi ai sindaci come si voterà elettronicamente al referendum sull’automomia. Le sezioni elettorali sono le stesse delle normali elezioni, per votare basta la carta d’identità. In ogni cabina ci sarà una sorta di tablet dove si legge il quesito e si hanno tre possibilità fra cui scegliere. Basta con la mano spingere sulla casella sì, no o scheda bianca. Una seconda schermata chiede vota o cambia, perché una volta è possibile correggere il voto.

In 17 Comuni ci saranno nella cabina 2 macchine per votare perché si deve decidere anche per la fusione dei Comuni. Un dettaglio non da poco, perché il referendum consultivo della Regione non ha nulla a che fare con il Viminale, che invece ha dovuto dare l’ok all’uso del voto elettronico per il cambio dei Comuni. Il 22 ottobre si voterà dalle 7 alle 23, chiuse le votazioni il presidente di ogni seggio “schiaccerà un pulsante e stamperà la scheda su cui è scritto in quanti hanno votato, quanti sono i sì, quanti e no e quante le schede bianche. Non ci sarà spoglio, rischio di brogli o cose del genere e sapremo immediatamente il risultato del referendum.”.

Commenti FB
Articolo precedenteTerrorismo, arrestato a Brescia 33enne italiano che ha annunciato bomba
Articolo successivoScala della solidarietà, da oggi in vendita i biglietti riservati al Comune
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.