Consiglio Regionale, costi contenuti e Pirellone sempre più aperto

965

Un costo pro capite per i lombardi di 2,48 euro, sceso di 18 centesimi rispetto al 2014 e di 28 centesimi rispetto al 2013. Il Consiglio regionale prosegue senza tentennamenti la strada del contenimento della spesa, già scesa del 16,25% tra il 2014 e il 2015, anni nei quali le leggi sui costi della politica varate in questa legislatura sono diventate pienamente operative. Nel Report semestrale del parlamento lombardo viene infatti sottolineato un ulteriore dato virtuoso: mettendo a confronto le uscite dei primi sei mesi 2015 con quelle dei primi sei mesi 2016, si registra un ulteriore meno 1,56%.

“Oggi presentiamo un bilancio molto positivo in relazione alle attività svolte e al contenimento delle spese – ha detto il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo, incontrando i giornalisti in Sala Gonfalone insieme agli altri componenti dell’Ufficio di Presidenza –. Il Consiglio regionale della Lombardia è in controtendenza rispetto ad altre realtà dove la spesa è certamente più elevata. Questo risultato è la sintesi di un lavoro di squadra che ha permesso di razionalizzare la spesa, valorizzando così il lavoro di tutti all’interno della nostra istituzione”.

L’attività 2016 del Consiglio regionale non si esaurisce comunque soltanto nella continua e costante riduzione dei costi, poiché  punta molto sull’identificare e qualificare sempre di più Palazzo Pirelli come la vera Casa dei lombardi, aperta e attenta nell’ascoltare e nel recepire i contributi dei rappresentanti delle categorie e della società civile: in questi primi mesi nelle sedute delle Commissioni sono infatti aumentate in misura consistente le audizioni e le consultazioni (ben 182), e sono state incontrate 626 realtà, il 25% in più rispetto al 2015.

Palazzo aperto

Il percorso avviato dall’Ufficio di Presidenza per “aprire” Palazzo Pirelli si è concretizzato anche in una crescita vistosa delle visite scolastiche, rendendo i ragazzi partecipi dei processi di cambiamento e conoscenza e di iniziative di educazione civica. In questi sei mesi hanno visitato Palazzo Pirelli in totale 4052 ragazzi in rappresentanza di 79 scuole (il doppio del 2015). Significativi anche gli investimenti formativi in un’ottica di prospettiva occupazionale: quest’anno il Consiglio regionale ha assegnato 23 borse di studio per tirocini formativi e di orientamento a favore di giovani neolaureati, finanziate con i risparmi dei costi della politica.

Trova un riscontro positivo anche il numero delle iniziative e degli accessi dei cittadini di questo primo semestre del 2016: sono 60 gli eventi, incontri e dibattiti ospitati nella sede del Consiglio regionale, con quasi 130mila visitatori esterni che si sono registrati agli ingressi. Grande successo hanno avuto soprattutto le celebrazioni per il 60° compleanno del Palazzo: 120 mila visualizzazioni su Facebook, centinaia di messaggi pervenuti, 1500 visitatori nella sola giornata di apertura.

Operazione trasparenza

La Casa dei lombardi punta molto anche sulla trasparenza. Il Consiglio regionale pubblica sul proprio sito tutti i provvedimenti dell’Ufficio di Presidenza e tutti gli atti di spesa e di gestione. Le fatture sono saldate in 20 giorni, altro record.

Il luogo delle leggi

Palazzo Pirelli è comunque in prima istanza il luogo dove si cercano soluzioni ai problemi dei cittadini e dove si fanno le leggi. Nel 2016 il Consiglio regionale si è riunito 20 volte. Sono stati approvati 147 provvedimenti. Tra le leggi più significative, la riforma dei servizi abitativi e quella del turismo, la riforma sociosanitaria per gli ambiti della salute mentale e della veterinaria pubblica, la legge sulla città metropolitana, il provvedimento contro il dissesto idrogeologico che vieta nuove costruzioni in prossimità di corsi d’acqua, la legge contro il commercio abusivo in aree pubbliche.

Le otto Commissioni “permanenti” si sono riunite 183 volte, le quattro “speciali” 42 volte. Particolarmente rafforzata l’attività di controllo e di indirizzo dell’Assemblea regionale nei confronti della Giunta. L’Assemblea ha approvato 55 mozioni, sono stati trattati e discussi 64 question time e 11 interpellanze.

Le Authority regionali

Anche le Authority regionali hanno contribuito in modo significativo a rendere Palazzo Pirelli una Casa nella quale i cittadini lombardi possono entrare sicuri di trovare ascolto e accoglienza. Il Difensore regionale nei primi sei mesi del 2016 ha già ricevuto 1623 cittadini, grazie all’attività di conciliazione del CoReCom sono stati rimborsati 2 milioni di euro a fronte di 3509 istanze di conciliazione.

Commenti FB
Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteUfficiale, il Salone del libro a Milano
Articolo successivoMilano, pugni ai passanti per gioco
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati