Ndrangheta, “casa di lavoro” per Papalia

101

Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha accolto la richiesta della Procura di applicare la misura di sicurezza detentiva della “casa di lavoro”, assimilabile al carcere, per Rocco Papalia, definito il ‘padrino’ di Buccinasco (Milano), considerato uno dei più importanti capi della ‘ndrangheta al nord e scarcerato un anno fa, dopo 26 anni di detenzione. I giudici lo hanno pure dichiarato “delinquente abituale”. Papalia era in libertà vigilata dall’anno scorso. Proprio ieri la Prefettura ha disposto la chiusura  un bar di proprietà della moglie del boss.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.