La Prima della Scala a San Vittore

Anche quest'anno a Sant'Ambrogio la Prima della Scala sarà trasmessa nel carcere di San Vittore. Saranno circa 150 le persone, tra ospiti e detenuti, che assisteranno insieme alla proiezione in diretta dell’opera.

66

Anche quest’anno a Sant’Ambrogio, la Casa Circondariale di San Vittore aprirà le sue porte all’ormai tradizionale appuntamento con La Scala di Milano. La sera del  7 dicembre, rispettando una consuetudine che si rinnova ormai dal 2013, il Comune di Milano torna a offrire la proiezione della Prima alla Scala ai detenuti.
L’evento quest’anno vedrà in scena l’opera “Don Carlo” di Giuseppe Verdi, che sarà seguita nello spazio della Rotonda della Casa Circondariale attraverso uno schermo che riprodurrà in diretta l’esecuzione dal Teatro alla Scala. L’Istituto milanese, diretto da Giacinto Siciliano, è pronto ad accogliere rappresentanti delle Istituzioni e della società civile. L’organizzazione della serata sarà sostenuta dall’Associazione “Quartieri Tranquilli”.
Saranno circa centocinquanta le persone, tra ospiti e detenuti, che assisteranno insieme alla proiezione in diretta dell’opera. E’ un’occasione di incontro e confronto tra le istituzioni, la realtà cittadina e le persone detenute, utile ai fini del processo di risocializzazione e rieducazione. Durante l’intervallo nel corridoio del primo raggio sarà possibile degustare un rinfresco light con i dolci preparati dalle detenute in collaborazione con Galdus  cooperativa sociale e A&I cooperativa sociale Onlus. Al termine il buffet del dopo Scala, con il tradizionale risotto giallo e il panettone. Prima della proiezione sarà inaugurata la mostra “L’accademia in carcere” promossa da Fondazione Maimeri e Milano Painting Accademy.
“Una tradizione che si rinnova, una grande occasione di incontro tra carcere e chi può aiutarlo ad essere migliore, nel nome dell’arte e della cultura dell’integrazione” dice il direttore Giacinto Siciliano, che ringrazia la grande rete che il territorio milanese sviluppa intorno al mondo del carcere.

 

Print Friendly, PDF & Email