Siccità, l’isola dei Conigli sul lago di Garda si raggiunge a piedi

A causa della siccità, una striscia di terra collega Manerba (Bs) all'isolotto, diventato percorribile a piedi o un bici. Il lago di Garda non è mai stato così basso negli ultimi 30 anni. Il caldo anomalo sta mandando la natura in tilt.

282
Foto dal web

La siccità prosciuga laghi e fiumi e l’isola dei Conigli sul lago di Garda diventa raggiungibile a piedi. Una striscia di terra collega infatti Manerba all’isolotto. E’ diventata una pista ciclo pedonale percorsa da molte persone, a piedi o in bici.  Il lago negli ultimi 30 anni, scrive il Giornale di Brescia, non è mai stato così basso.

Il caldo anomalo e la prolungata assenza di precipitazioni manda la natura in tilt. I ciliegi sono già in fiore e le prime fave sono pronte per la raccolta, mesi prima dell’appuntamento del primo maggio, nelle campagne dove per la siccità sono a rischio le semine primaverili. È quanto emerge dal monitoraggio delle Coldiretti sugli effetti del vasto campo di alta pressione destinato a durare per giorni con alte temperature senza precipitazioni.

L’anomalia, sottolinea la Coldiretti, è più evidente al nord dove lo scorso anno è caduto il 40% di precipitazioni in meno e la temperatura a gennaio 2023 è risultata di ben 1,41 gradi superiore alla media. Alla vigilia delle semine il fiume Po è a secco e al Ponte della Becca (Pavia) si trova a -3,3 metri rispetto allo zero idrometrico. Preoccupa la situazione riso, con una previsione di coltivazione di quasi 8mila ettari in meno per un totale di appena 211mila ettari, ma anche le semine di mais necessario per garantire l’alimentazione del bestiame per la produzione del latte dal quale nascono i grandi formaggi, dopo gli sconvolgimenti che ci sono state sul commercio internazionale a seguito della guerra in Ucraina.

Print Friendly, PDF & Email