“A Milano, ormai dal 2018, si attivano più posti di lavoro a termine che lavori stabili, nell’ordine di due terzi di lavori precari e un terzo stabili. Basandoci sul fatto che con il settore terziario Milano porta con sé tanta precarietà, ci chiediamo come si possa costruire una condizione serena di vita e costruzione di un futuro per le nuove generazioni. E poi, a Milano i prezzi della casa viaggiano su una media doppia rispetto ad altre città europee simili alla nostra”. Così Massimo Bonini, segretario generale della CGIL di Milano, a margine della prima giornata del decimo congresso della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano. “Purtroppo è una sconfitta: queste condizioni del lavoro costringono i giovani ad emigrare in altri luoghi – ha sottolineato poi – . Se l’occupazione aumenta, ma perché due contratti su tre sono a termine, l’occupazione a un certo punto finisce e quella persona rimane da sola”. E poi “nel nostro Paese una volta che hai perso il posto di lavoro non c’è un sistema che ti può dare una mano. Oltretutto in un contesto in cui il governo ha cancellato reddito di cittadinanza”. “Questo un enorme problema che chiediamo di affrontare a 360 gradi: serve un sistema che metta in campo politiche attive, formazione e riqualificazione delle persone”, ha evidenziato Bonini. “È difficoltoso venire a lavorare a Milano per una serie di ragioni – ha proseguito – . Il trasporto pubblico che non è efficiente, soprattutto per responsabilità regionale, la mobilità dopo il covid è diventata più complicata e dal punto di vista individuale c’è il fatto che i tempi della città spesso e volentieri si scontrano con il fatto che le persone fanno lavori su turni e orari h24. Questo è un tema che complessivamente andrebbe affrontato”.

Commenti FB
Articolo precedenteIran, Tajani “Al lavoro sul quarto pacchetto di sanzioni europee”
Articolo successivoAl Gemelli un nuovo centro per la diagnosi dei tumori ginecologici
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati