Ascovilo presenta il “suo” 2023 all’insegna della continuità nella promozione e della Cultura del vino

Il nuovo anno sarà caratterizzato sul territorio di Brescia e Bergamo da 2 degustazioni in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier , 8 “restaurant weeks“ in sinergia con Grana Padano e 2 spettacoli teatrali .

19

Ascovilo punta sul 2023 con un focus su “Brescia Bergamo capitale della cultura“ . Il nuovo anno sarà caratterizzato sul territorio di Brescia e Bergamo da 2 degustazioni in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier , 8 “restaurant weeks“ in sinergia con Grana Padano e 2 spettacoli teatrali .
Si parte il 1 Febbraio a Castello Malvezzi con Alberto Lupini con un seminario formativo e cena didattica dedicata alle eccellenze dei vini lombardi in abbinamento con i menù di territorio dove l’ingrediente protagonista è Grana Padano.
Il 26 febbraio, domenica, a Brescia si terrà un singolare Open Day, storico appuntamento di Ais Brescia che nel 2023 è interamente dedicato alle denominazioni di origine protetta delle province di Brescia e Bergamo. Analogo appuntamento si terrà in autunno a Bergamo a cura della Delegazione Ais di Bergamo, volto a sancire il gemellaggio fra le due province. Del tutto originale è la proposta di due eventi di spettacolo si parte a Brescia in giugno al Museo Diocesano e si replica a Bergamo.
Intenso è il programma in Italia per il 2023: si inizia a gennaio con “Wine in Venice“, vetrina internazionale per la sostenibilità vitivinicola , in aprile Ascovilo tornerà ad essere protagonista di Vinitaly al PalaExpo con la Lounge di ospitalità e didattica con Grana Padano nonchè così come in maggio è programmata la presenza congiunta a Tutto Food. In Giugno i Consorzi di Ascovilo torneranno a Vinoforum a Roma e da Luglio saranno a Milano dove ripartirà la programmazione di Identità golose nell’ambito del progetto “Milano Cortina 2026” che faranno da prologo per la “Milano wine week“ di ottobre e il “Merano wine festival“ di Novembre.
Non solo. Continua nel 2023 la promozione delle Denominazioni Dop e Igp in Germania in collaborazione con Grana Padano: in marzo la fiera di Pro Wein a Dusseldorf con i seminari formativi in collaborazione con Vinum e a seguire 10 cene didattiche in collaborazione con Gambero Rosso in apertura di altrettante Restaurant Weeks dedicate al mercato tedesco. “Un cartellone di eventi e manifestazioni importanti in un anno che vedrà Brescia e Bergamo capitali italiane della cultura – ha sottolineato Giovanna Prandini, presidente di Ascovilo. Le due città e le realtà vitivinicole hanno radici comuni, il nostro compito è fare emergere le espressioni originali e inaspettate, espressione di patrimoni culturali di straordinaria rilevanza su cui costruire gli appuntamenti annuali. Cultura è testimoniare la tradizione di lavoro, di solidarietà, di innovazione enogastronomica in un territorio dalla bellezza inaspettata, tutto da scoprire. Abbiamo studiato una piattaforma di eventi e iniziative di forte attrattività, che porta i territorio in una posizione di riferimento sulla mappa della cultura europea. Una grande occasione per incentivare il sistema Lombardia“.

Commenti FB
Articolo precedenteDesio, due tecnici indagati per presunti abusi su alcune ex ginnaste
Articolo successivoBeccaria, presi gli ultimi due evasi
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati