Crisi dei ricambi, a Seveso il capannone delle auto rubate

Scoperto dai carabinieri di Seregno a Seveso; decine di auto rubate per essere cannibalizzate. Arrestato un 43 enne.

45

Nei giorni scorsi carabinieri della compagnia di Seregno hanno tratto in arresto in flagranza di reato per riciclaggio e installazione di apparecchiature atte a intercettare e impedire comunicazioni telematiche un 43enne di origini rumene ma da tempo residente in Brianza, pregiudicato per reati contro il patrimonio e riciclaggio il quale è stato sorpreso all’interno di un capannone industriale di Seveso dove custodiva dodici autovetture già private di molte componenti (parti elettroniche, fanali, paraurti, etc.) che sono risultate frutto di furti commessi a Milano in provincia di Monza della Brianza tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre. Quella mattina, in seguito a una segnalazione pervenuta da un privato cittadino che riportava l’ingresso anomalo di alcuni veicoli nell’area del capannone, i carabinieri si sono recati sul posto per delle verifiche. Al loro arrivo i militari hanno trovato un’autovettura posizionata sulle forche di un muletto elettrico e il 43enne intento a smontarla. Lo stesso, che in un primo istante ha riferito di essere semplicemente il custode dell’area, ha poi affermato di trovarsi nel capannone per conto di un cittadino di origine marocchina, tale Abdul, non meglio generalizzato, che l’aveva incaricato di smontare un’autovettura. Esternamente il capannone era dotato di sistema di video sorveglianza, collegata a due schermi posizionati all’interno ed a un router per controllo da remoto, il tutto perfettamente funzionate e attivo. Inoltre, all’interno del capannone sono stati trovati anche tre inibitori di radiofrequenza, cosiddetti “jammer”. Alla luce degli elementi emersi, i carabinieri hanno tratto in arresto il 43enne che, su disposizione del sostituto procuratore di turno della Procura di Monza, è stato associato presso la casa circondariale di Monza a disposizione dell’autorità giudiziaria. Infine, il capannone, le auto rinvenute e gli apparati di inibizione di frequenza sono stati posti sotto sequestro.

Commenti FB