La teca contenente i resti della ‘Quarto Savona Quindici’, l’auto della scorta di Giovanni Falcone sarà esposta fino a domani, giovedì 10 novembre, in piazza Città di Lombardia.
Questa mattina, alla presenza del presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, si è tenuta la cerimonia di presentazione dell’importante testimonianza. All’evento hanno partecipato, anche Tina Montinaro (presidente dell’Associazione ‘Quarto Savona Quindici’ e moglie di Antonio Montinaro, Capo scorta del giudice Giovanni Falcone), Alessandro Fermi (presidente del Consiglio regionale della Lombardia) e Romano La Russa (assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale). Sono intervenuti anche Monica Forte (presidente della Commissione Antimafia del Consiglio regionale della Lombardia) e Luigi Piccirillo (consigliere regionale della Lombardia e promotore dell’iniziativa). Nella giornata di domani, dalle ore 8 alle 14, sarà anche possibile aderire all’iniziativa ‘Donatorinati’ della Polizia di Stato, donando il sangue sull’Autoemoteca AVIS che sarà presente in Piazza Città di Lombardia.

Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco DicilloSono i nomi della scorta di Giovanni Falcone che morirono con il magistrato a Capaci il 23 maggio 1992. Nomi che fanno parte della nostra storia e che dovremmo imparare a memoria”. Lo ha dichiarato il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi. Questa ‘installazione’ è, prima di tutto, un “presidio della memoria” – ha proseguito Fermi -. E per questo ringrazio Tina Montinaro, moglie del capo scorta di Giovanni Falcone, che gira il nostro Paese per ribadire e far crescere la cultura della legalità. I resti dell’auto della scorta di Falcone parlano soprattutto ai più giovani e servono a ribadire, sempre e con forza, l’importanza della lotta alla mafia, alla camorra, alla ‘ndrangheta e in generale ai sistemi criminali. Non solo a parole, ma con gli esempi concreti di chi si è impegnato e ha rischiato la propria vita per spezzare il clima di paura e di intimidazione. Iniziative simboliche come queste che ci ricordano che le organizzazioni criminali non sono un problema dei magistrati o delle donne e degli uomini delle forze dell’ordine, ma sono una questione che coinvolge tutti. Perché ‘gli uomini passano, le idee restano e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini’, come amava ripetere Giovanni Falcone.

La vista dell’auto della scorta di Giovanni Falcone – ha dichiarato Monica Forte (Gruppo Misto), Presidente della Commissione Antimafia – ci ricorda che lo Stato per Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonino Montinaro ha rappresentato la promessa di un mondo più giusto e che per quello Stato e per quell’idea hanno dato la vita. Ognuno di noi è a suo modo portatore di un testimone molto impegnativo e con il contributo di tanti riusciremo a rendere il giusto tributo a quell’impegno. Sarà un nostro assillo difendere la società e l’economia lombarda dai tentativi di colonizzazione mafiosa. Siamo una rete di alleanze istituzionali e civili che può essere più forte delle organizzazioni mafiose. Continuiamo a camminare con questa consapevolezza e registreremo sempre più decisi e importanti passi avanti”.

L’iniziativa è stata promossa dall’associazione “Quarto Savona Quindici”. “I resti dell’auto della scorta di Falcone – ha dichiarato la Presidente dell’Associazione Tina Montinaro – sono una ‘croce laica’ che portiamo in tutta Italia con dolore e con orgoglio per ricordare chi non ha fatto un passo indietro di fronte alla violenza mafiosa. Dopo trent’anni non dimentichiamo e lanciamo un messaggio chiaro ai giovani: scegliete da che parte stare, scegliete di stare dalla parte della legalità”.

“Un momento particolarmente importante – ha commentato il presidente Fontana – che tutti insieme abbiamo voluto celebrare per rendere onore a chi ha sacrificato la propria vita. Bisogna continuare a combattere per la difesa dei valori della legalità. Abbiamo sposato con forza e determinazione questi principi e le iniziative a sostegno della lotta alla mafia”. 

Tina Montinaro

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.