“Il nostro orientamento come Amministrazione è aggiungere uomini e donne della Polizia locale e chiedere più o meno un equivalente al Ministero dell’Interno anche rispetto alle altre forze di polizia. Se noi abbiamo in programma di avere 500 vigili urbani in più quello che riteniamo sia necessario è che lo Stato e il Ministero facciano lo stesso”. Così il sindaco Giuseppe Sala, a margine delle celebrazioni della Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate in piazza Duomo, in merito alle richieste che avanzerà al ministro dell’Interno Matteo Piantedosi domani mattina al Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, convocato dal prefetto per un esame della situazione dell’ordine pubblico in città e in provincia. “Poi ci sono tematiche di gestione del territorio che meritano particolare attenzione: credo che sia il momento di non continuare con questa separazione tra centro e periferia – ha aggiunto Sala – . Ma ci sono luoghi più delicati e meno delicati, ci sono luoghi che richiedono un presidio fisso come piazza Duomo, per esempio. E sono altre realtà che richiedono di concentrarsi con attenzione in funzione del momento: tutto ciò va fatto in modo coordinato. Infine c’è la tecnologia fa la sua parte: è il momento di una riflessione più profonda di quello che si può fare anche con gli strumenti tecnologici”, ha concluso.

Commenti FB
Articolo precedenteRegionali, su social della Lega Letizia Moratti raffigurata con falce e martello
Articolo successivoCovid, Lombardia: 27 i ricoverati in terapia intensiva
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.