Duplice violenza sessuale nel varesotto, arrestati due giovani

Arrestati un italiano e un nordafricano, accusati di aver aggredito e violentato due ragazze di 20 anni venerdì sera, una a bordo di un treno e l'altra alla stazione di Vedano Olona.

38

Snono stati arrestati i presunti aggressori di due ragazze violentate venerdì scorso nel vaesotto, una su un treno della linea Milano-Varese, l’altra alla stazione di Vedano Olona. Si tratta di due giovani, un italiano e un nordafricanto, arrestati per violenza sessuale. I due sono stati fermati dai carabinieri a seguito di un intervento per schiamazzi notturni, sabato notte all’interno di un’abitazione di Saronno (Varese). Fondamentali per le indagini le testimonianze delle due ragazze aggredite e di un capotreno. Secondo quanto ricostruito dalle indagini della Procura di Varese, condotte dalla Squadra Mobile e dai carabinieri, la prima ragazza è stata aggredita sul treno poco prima che scendesse dal convoglio. Bloccata e strattonata, costretta a subire uno stupro e rapinata di quanto aveva nella borsa, è stata salvata dall’arrivo del capotreno, il quale ha messo in fuga i due violentatori e dato l’allarme. Sempre i due sono accusati di aver aggredito una seconda giovane, pochi minuti dopo e proprio all’interno della sala di attesa della stazione, dove il capotreno li ha visti fuggire. In questo caso però, la ventiduenne dopo aver subito alcune molestie è riuscita a divincolarsi e gridare, mettendo in fuga i due malviventi. Le due ragazze, comprensibilmente scioccate e tramortite, sono state trasportate all’ospedale Dal Ponte di Varese, dove sono state medicate e supportate. Tutte e due hanno poi voluto parlare immediatamente con le forze dell’ordine, a cui hanno fornito una dettagliata descrizione dei loro aggressori, immediatamente diramata dalla Polizia di Stato che, unitamente alla Polfer, è intervenuta sulla prima delle due violenze, e ai carabinieri che invece sono intervenuti sulla seconda. Sabato a tarda sera infine, i carabinieri hanno bloccato tutti e due i presunti stupratori, all’interno di un appartamento dove era in corso una festa. A chiamare il 112 sono stati i condòmini, disturbati da schiamazzi e musica ad alto volume. Quando i militari sono arrivati sul posto li hanno bloccati e identificati come i possibili autori delle violenze sessuali. Portati in caserma, a quanto emerso sono stati riconosciuti sia dalla vittima di stupro sia dal capotreno e altri testimoni. Le indagini proseguono per stabilire l’esatta dinamica dei fatti.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.