Presentata alla COP26 di Glasgow la Health Systems Taskforce, Il Rettore dell’Università di Pavia unico italiano

46
-da sinistra a destra- Professor Francesco Svelto, Rettore, Università di Pavia; Pascal Soriot, CEO, AstraZeneca; HRH The Prince of Wales; Dame Emma Walmsley, CEO, GSK; Lord David Prior, Chair, NHS England; André Hoffman, Vice Chairman,Roche.

La Health Systems Taskforce che, per la prima volta, unisce leader globali del settore sanitario pubblico e privato, istituzioni internazionali e accademia, opera nell’ambito della Sustainable Markets Initiative lanciata da Carlo d’Inghilterra a Davos nel gennaio 2020.  A Glasgow ieri (3 novembre) la prima riunione e la firma della lettera di intenti da parte dei leader di AstraZeneca, GSK, Merck KGaA, Roche, Samsung Biologics, Sanofi, Novo Nordisk, Organizzazione mondiale della sanità, UNICEF, NHS England, Sustainable Healthcare Coalition, Health and Global Policy Institute, del Karolinska Institutet e dell’Università di Pavia. Con l’obiettivo di accelerare il passaggio verso un’assistenza sanitaria sostenibile e a emissioni nette zero, e migliorare la salute dei singoli, della società e del pianeta, la Health Systems Taskforce ha individuato tre aree d’azione prioritarie: Sanità digitale, Catene di approvvigionamento, Percorsi di cura del paziente. Grazie all’utilizzo di tecnologie innovative e intelligenza artificiale, al ripensamento delle catene di approvvigionamento, all’individuazione di cure che pongono al centro il paziente, oltre che all’adozione di specifiche azioni formative e alla misurazione dell’impatto ambientale, il gruppo intende contribuire alla decarbonizzazione del sistema sanitario globale. Il Rettore Francesco Svelto ha così sintetizzato l’impegno dell’Università degli Studi di Pavia: «Il nostro coinvolgimento nella “Health Systems Task-force” della “Sustainable Markets Initiative” conferma il nostro impegno per sostenibilità ambientale, salute e benessere delle persone. Daremo il nostro contributo attraverso formazione, ricerca e un’assistenza sanitaria che metta il paziente al centro».

Commenti FB
Articolo precedenteTurismo, la Bit torna dal vivo nel 2022
Articolo successivoIl nazismo, la Feltrinelli e il Giornale nei nostri tempi idologici
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.