“Invito me stesso e tutti gli esponenti del centrosinistra a considerare questo un grande successo ma anche immaginare che non è che quindi c’è una strada tracciata e per il 2023 siamo a cavallo. C’è da essere felici e al contempo molto molto cauti”. Lo ho detto il sindaco Giuseppe Sala, commentando i risultati dei ballottaggi che secondo i primi dati il centrosinistra sarebbe in vantaggio nei comuni capoluogo, a margine del ‘Women’s Forum G20 Italy: Humanising the cities of the future: the Champions of inclusive green’ presso il Campus Bovisa del Politecnico. “Credo che il centrosinistra abbia interpretato il momento, questo è il momento in cui c’è da lavorare e la gente vuole lavorare. Cavalcare ogni possibile tipo di opposizione e malessere, dipingere una società con i toni bui non rende e questo è quello che ha fatto la destra. Ha strizzato l’occhio a ogni possibile opposizione e mal di pancia, ma non funziona così, la gente vuol tornare a lavorare, noi siamo stati più saggi a interpretare questo sentimento e io credo che loro abbiano sbagliato a intestarsi a ogni costo tutte le battaglie”, ha concluso Sala. (MiaNews)

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, Lombardia: diminuiscono i ricoverati nei reparti, nessun caso a Cremona e Lecco
Articolo successivoI giornalisti da salotto e le piazze che ribollono
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.