Via al bonus tv ma sarà per pochi

Solo 2,5 milioni di famiglie su 11 milioni con un apparecchio non compatibile con il nuovo digitale terrestre riusciranno a prendere l'incentivo statale. Il grande affare delle frequenze lo pagano i consumatori (già tassati con il canone).

31

In vista del passaggio al nuovo digitale terrestre, recentemente rimandato al 2023, prende il via il nuovo bonus rottamazione TV, ma potrebbe non bastare per tutti. Già a febbraio 2020 l’indagine commissionata da Facile.it a mUp Research aveva evidenziato come fossero circa 11 milioni le famiglie con uno o più televisori non compatibili con il nuovo standard e che, pertanto, avrebbero dovuto metter mano al portafogli per cambiare apparecchio o comprare un decoder. Ma attenzione perché se è vero che il bonus è richiedibile fino ad esaurimento risorse, al momento non è dato sapere se i 250 milioni di euro stanziati riusciranno a soddisfare la domanda; ipotizzando l’importo massimo erogabile a famiglia, vale a dire 100 euro, il fondo potrebbe soddisfare la richiesta di sole 2,5 milioni di famiglie. Secondo il Sole24Ore, che ne ha scritto nei giorni scorsi, solo 1 su 10 riuscirà a ottenere il bonus. Insomma nel grande affare delle frequenze quelli che pagano il conto siamo noi, costretti a cambiare tv o a installare decoder (e a pagare pure il canone come tassa di possesso dello stesso apparecchio che siamo costretti a cambiare).

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.