“Un evento importante per il territorio pavese e più in generale per l’intera Lombardia, un polo produttivo molto bello, funzionale e innovativo, che si inserisce in quel processo di trasformazione che deve accompagnare i cambiamenti nel modo di vivere e di spostarsi”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo all’inaugurazione dell’Hub Logistico di Poste Italiane a Landriano, in provincia di Pavia. Il governatore ha quindi ringraziato Poste Italiane per “l’importante contributo garantito ai lombardi attraverso la piattaforma di prenotazione nella campagna vaccinale”, uno strumento “che ha permesso alla Lombardia di decollare e oggi pensiamo di essere la migliore regione d’Italia”. “Il ruolo delle istituzioni – ha quindi aggiunto il governatore – è quello di osservare i cambiamenti del suo territorio intercettando i bisogni di imprese e cittadini, rimuovendo gli ostacoli alla crescita e allo sviluppo di quello stesso territorio. Per fare questo è necessario mantenere sempre attivo il dialogo tra mondo pubblico e privato. Entrambi hanno, infatti, necessità di comprendere i bisogni dell’altro”. “Il settore della logistica, anche a causa del suo sviluppo esponenziale degli ultimi anni – ha concluso Fontana guardando al nuovo Hub di Landriano – è tra quelli che più di altri si è trovato ad affrontare la necessità di nuovi cambiamenti”.

Commenti FB
Articolo precedenteAlbertini disponibile a fare il vice di Oscar di Montigny (VIDEO)
Articolo successivoMilano, buono taxi prorogato al 31 dicembre
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.