Mattarella a Brescia, Fontana: da lui vicinanza costante

85

“Una visita molto importante. Il presidente della Repubblica ha dimostrato in questi mesi di essere molto sensibile e di voler abbracciare i territori lombardi che più hanno sofferto. Ha iniziato da Codogno, poi è stato a Bergamo, dimostrando sempre grande sensibilità. Anche nei momenti più duri della pandemia ho avuto, con lui, costanti e continue telefonate. Il presidente mi faceva sentire la sua vicinanza chiedendomi di trasferirla ai lombardi”. Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, a Brescia per la visita del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “Il saper resistere e reagire alle difficoltà – ha proseguito Fontana – è uno degli aspetti più tipici del territorio bresciano e di tutta la Lombardia. Io credo, che se siamo riusciti a uscirne, se stiamo portando avanti con grandi risultati la campagna vaccinale, lo si debba a questo atteggiamento della nostra gente”. “È sufficiente – ha concluso Fontana – entrare in un centro vaccinale e vedere medici, infermieri, volontari, ragazzi, tutte persone che collaborano con il sorriso sulle labbra e mettendo a proprio agio chi si sottopone alla vaccinazione”.

Commenti FB
Articolo precedenteIncidenti sul lavoro, Moratti: algoritmo per individuare cantieri a rischio
Articolo successivoCaccia, Flash Mob. Verni (M5S Lombardia): “Peggiorata la legislazione venatoria”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.