Il Consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Nicola Di Marco, ha effettuato un sopralluogo nello stabile Aler di via Morgantini 5, a Milano, in cui gli inquilini sono sempre più esasperati per la situazione che vivono da anni. Gli interventi di manutenzione da fare sono sempre più urgenti poiché dal 2013 sono installati dei ponteggi per evitare che i calcinacci cadano sulla testa delle persone che vi transitano. “Da quando mi sono insediato come consigliere mi sono impegnato per aiutare gli inquilini di questo stabile con segnalazioni ad Aler e atti in Consiglio regionale perché la situazione è diventata ormai insostenibile. Grazie all’approvazione di un ordine del giorno a mia firma, nel dicembre 2020, si intravedeva una possibilità per l’inizio dei lavori. Ma l’Azienda, in risposta a un accesso agli atti, mi ha comunicato che gli interventi di riqualificazione non inizieranno prima del 2022”, dichiara Di Marco. “La situazione peggiora ogni giorno che passa e lo stabile, solo guardandolo dall’esterno, cade a pezzi. È assurdo pensare che gli inquilini possano vivere in questa situazione di disagio per un altro anno. Questo è uno dei tanti sopralluoghi che faccio nello stabile in zona San Siro e ogni volta che torno trovo danni peggiori dei precedenti. Ai miei accessi agli atti Aler risponde che i lavori inizieranno il prossimo anno. Non si capisce però, ancora, a quale anno si riferisca. Da decenni manca la manutenzione ordinaria: le facciate sono deteriorate, i balconi si sgretolano, i ponteggi sono diventati instabili e insicuri.È necessario intervenire rapidamente perché le pareti delle case sono in totale stato di abbandono e decadimento. I residenti, molti di questi anziani, sognano i lavori mentre Aler e Regione non fanno nulla e rimandano a un anno indefinito l’inizio degli interventi di ristrutturazione mettendo in serio rischio la sicurezza degli stessi”, conclude Di Marco.

 

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.