Concertone, Arcigay ringrazia Fedez e attacca la Rai

Il cantante e la sfida al tentativo di censura della tv di Stato. L'associazione arcobaleno: "Ha dato voce a milioni di noi. Ora la Rai ci dica cosa è davvero inopportuno".

22

“L’ostilità e l’avversione da parte di esponenti politici e istituzionali che il coraggioso discorso di Fedez dal palco del Concertone del 1°maggio ha scatenato – prima, durante e dopo – ha dato corpo e rappresentazione alle tante forme di oppressione che milioni di persone lgbti subiscono ogni giorno, dappertutto. Innanzitutto per questo voglio ringraziare Fedez”: così Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. Che prosegue: “Perché funziona proprio così: mentre ti dicono che sei “inopportuno”, disallineato al “sistema”, dalle aule istituzionali ci giunge la violenza di rappresentanti eletti che ci vorrebbero nei forni, fuori dalle case e dalle scuole, o addirittura rieducati. E quelle parole non ce le sussurrano nell’orecchio, ce le reiterano su ogni pagina di giornale, programma d’informazione o di intrattenimento, perfino nell’ultimo dei reality. Ma questo, per chi dirige e vigila sul servizio pubblico, non è “inopportuno”: perché lo schifo fa audience, il letame attira tante mosche. Ed è così vero che Mediaset nello scorso fine settimana ha programmato una serata usando come volano pubblicitario “Diremo neg*i e fro*i”. Lo schifo, appunto, fa audience. Il discorso di Fedez ha squarciato un velo: vorremmo sapere cosa è inopportuno per il servizio pubblico di radiotelevisione italiana. Noi o il consigliere leghista che ci vuole nel forno? Noi o tutta quella classe politica che ci dileggia, ci offende, e alle quale spalancate le porte dei vostri salotti? Quanti portavoce delle associazioni lgbti, quelli che parti consistenti della comunità hanno delegato a parlare per loro, si possono ascoltare nei format di informazione Rai? Al contrario, a quante bestialità – in termini di linguaggio e di concezione del mondo –  i programmi Rai hanno scelto di fare da megafono e da palcoscenico? Anche di questo velo squarciato voglio dire grazie, di cuore, a Fedez. E voglio ringraziarlo infine per aver ricordato, con il suo discorso dal palco del 1° Maggio, che le persone lgbti sono persone che hanno un lavoro, o non ce l’hanno. O ne hanno uno precario, intermittente, in nero. I diritti non sono mai antagonisti tra loro: ogni battaglia per i diritti, sostiene tutte le altre. Siamo entrati nel maggio della lotta all’omotransfobia, che culminerà nella giornata internazionale del 17. Saranno giorni di lotta e di riconquista delle piazze in tutto il paese: anche questo dibattito ci ha dimostrato quanto siano necessarie”, conclude Piazzoni.

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.